Eleva2000
puntosistemi new
Giovedì 15 Novembre 2018     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Uno stoico Bertram Derthona sconfitto 84-80 a Trapani

I bianconeri escono a testa alta dal match in Sicilia e salutano il ritorno a Tortona di Kenneth Viglianisi

Sconfitta in volata per il Bertram Derthona, che si arrende solo nei secondi finali a Trapani: la squadra di coach Ramondino gioca una gara leonina per tutti i quaranta minuti, conducendo l’incontro per larghi tratti, nonostante le rotazioni forzatamente accorciate: i tortonesi, scesi in Sicilia senza Ganeto e Garri, sono costretti a rinunciare a Spizzichini fin dai primi minuti ed a Knowles per l’intera ripresa. A fare la differenza a favore di Trapani nel finale, sono solo alcuni dettagli, che consentono ai siciliani di conquistare il successo. Da segnalare il buon contributo in uscita dalla panchina di Lusvarghi e Buffo oltre che del rientrante Klaudio Ndoja.

La cronaca

Avvio di gara contraddistinto dalla grande qualità offensiva proposta dalle due squadre, che grazie ad una fluida circolazione di palla, trovano il canestro con continuità. Sono poi i bianconeri, che perdono Spizzichini dopo 3 minuti per un problema fisico, a  produrre il primo break nel punteggio, con i canestri di Alibegovic e Tuoyo (23-16 all’8’): il primo quarto si chiude con la formazione di coach Ramondino in vantaggio per 28-25 sugli avversari. Anche nel secondo periodo le due squadre continuano a trovare la via del canestro (35 pari al 15’): sono Knowles e Clarke i grandi protagonisti di questo parziale per il Derthona (che perde momentaneamente anche Gergati per un problema muscolare al 16’) e Trapani. Negli ultimi minuti del primo tempo è un grande Alibegovic a tenere avanti i bianconeri: all’intervallo il punteggio è 47-43. Al rientro dagli spogliatoi Tortona alza ulteriormente l’intensità della propria difesa, ma i siciliani sono chirurgici nel trovare alcuni canestri allo scadere dei 24 secondi, che vanificano gli sforzi dei bianconeri (costretti a dire addio anche a Knowles a causa di un problema muscolare): grazie alle realizzazioni di Renzi e Clarke, Trapani rimane a contatto nel punteggio (59-61 al 27’). La squadra di coach Parente trova poi il vantaggio, dopo avere inseguito per larghi tratti, grazie ad un nuovo canestro in penetrazione di Clarke (63-61 al 28’): alla terza sirena il punteggio è 65-66. Anche i minuti iniziali dell’ultimo periodo sono contraddistinti dal grande equilibrio: sono poi Clarke e Ayers – con un paio di canestri da tre punti consecutivi – a spingere avanti i padroni di casa (78-72 al 36’). Il Derthona reagisce al momento di difficoltà con una buona intensità difensiva che consente ai bianconeri di rimanere a contatto, prima di trovare la nuova parità a quota 80 con una tripla di Ndoja. Dopo il canestro in “tap in” di Pullazi,  la difesa di Trapani costringe Blizzard ad una palla persa: sono poi due liberi di Renzi, sul fallo sistematico di Tortona, a regalare la vittoria ai padroni di casa per 84-80.

Il commento

Questo il commento di coach Marco Ramondino, al termine della gara: “Faccio i complimenti ai nostri avversari per un’ottima vittoria: il nostro atteggiamento è stato estremamente positivo perché vogliamo che la squadra possa avere un linguaggio tecnico comune. Ci sono grande orgoglio per quello che abbiamo fatto e la consapevolezza che, da un punto di vista tecnico, possiamo migliorare molto sia a livello di esecuzione che in difesa. Possiamo considerarci un squadra esperta, ma abbiamo margini di crescita notevoli. Faccio grandissimi complimenti ai miei giocatori per lo sforzo e ribadisco quelli nei confronti di Trapani, perché per vincere stasera hanno dovuto giocare duro quanto noi. La loro capacità di produrre parziali poteva metterci in grande difficoltà, perché siamo alla ricerca di certezze: non è stato così, abbiamo perso la partita sui dettagli. Un tagliafuori non fatto, alcune rotazioni, episodi che non dipendono da chi è in campo. Dobbiamo giocare con questa durezza ed acquisire la forma mentis che ci porti a passare sopra ai problemi di infortuni. Abbiamo perso su errori non dei giovani: il nostro obiettivo deve essere quello di diventare una squadra che nessuno vuole affrontare in questo campionato. Lavorando con questa capacità e con esecuzioni tecniche migliori potremo diventare una formazione importante per la A2“.

Le news

Da segnalare la chiamata per coach Marco Ramondino a rivestire il ruolo di assistente allenatore della Nazionale maschile Under 20 per la stagione sportiva 2018 – 19. Si tratta di un importante riconoscimento che premia il lavoro di un allenatore da anni inserito all’interno degli staff tecnici delle nazionali giovanili: Ramondino ha infatti preso parte a cinque edizioni degli Europei in qualità di assistente allenatore ed ha guidato la spedizione italiana Under 16 agli EYOF (European Youth Olympic Festival) del 2015, disputati a Tbilisi in Georgia.

Il Derthona Basket ha poi ufficializzato l’accordo con il giocatore Kenneth Viglianisi, guardia – ala classe ’92 reduce dall’esperienza in Germania al Mitteldeutscher Basketball Club, che ritorna a Tortona dopo avere vinto la Serie B da protagonista nella stagione 2013 – 14.

Così coach Marco Ramondino sul nuovo acquisto dei bianconeri: ʺViglianisi è un giocatore di squadra che ha fondamentali solidi ed un buon potenziale atletico. Il suo arrivo rende la nostra rosa più completa e versatile, in quanto sono convinto che sia un atleta in grado di agire in tre se non quattro ruoli differenti: questo ci permette di continuare a esplorare quintetti con quattro giocatori in grado di trattare la palla. Inoltre ci può aiutare nella ricerca di un’identità difensiva, aspetto fondamentale per una squadra ambiziosaʺ.

Queste invece le dichiarazioni di Kenneth Viglianisi: ʺSono molto felice di essere tornato in una città che mi aveva accolto benissimo nel corso della mia prima esperienza: sono qui per aiutare la squadra a vincere il maggior numero possibile di partite e raggiungere gli obiettivi prefissati. Nonostante la partenza difficile, sono convinto che il campionato sia ancora lungo e ci siano le potenzialità per fare bene. Rispetto al mio anno in Serie B, la società è cresciuta molto e questo mi fa enormemente piacere. Voglio ringraziare il dottor Gavio per avermi offerto questa opportunità a stagione iniziata, salutare i tifosi, che mi hanno dimostrato tutto il loro affetto e Luigino Fassino, che mi aveva aiutato molto nel corso della mia prima esperienza qui a Tortonaʺ.

Il tabellino

2B Control Trapani-Bertram Derthona 84-80 (25-28, 43-47, 65-66)

TRAPANI: Renzi 12, Dosen ne, Artioli ne, Tartamella ne, Miaschi 12, Czumbel, Clarke 29, Mollura 11, Marulli ne, Nwohuocha 4, Ayers 12, Pullazi 4

Coach: Daniele Parente

DERTHONA: Knowles 12, Tuoyo 18, Alibegovic 21, Blizzard 5, Buffo 4, Ndoja 4, Ugolini ne, Lusvarghi, Gergati 14, Spizzichini 2

Coach: Marco Ramondino

.