Eleva2000
puntosistemi new
Domenica 24 Marzo 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Una giornata particolare

Tortona ha ospitato, domenica scorsa, l’addetto militare dell’Ambasciata del Brasile a Roma ed il rappresentante dell’aeronautica brasiliana, nel ricordo della Liberazione di Tortona nell’aprile 1945 da parte del contingente FEB. Una bella manifestazione, culminata nel corteo dei mezzi storici e conclusa a palazzo comunale con l’intervento dell’addetto militare, che non ha mancato di sottolineare il legame con Tortona. Dal Brasile all’India. A partire dal primo pomeriggio alcune centinaia di indiani Sikh hanno sfilato da piazza Dalla Chiesa (alle spalle della caserma Carabinieri) lungo i corsi Romita e Repubblica in occasione del “Vaisakhi”, una delle più importanti feste religiose della minoranza Sikh, celebrazione che segna l’arrivo della primavera, momento in cui i praticanti si riuniscono per celebrare la purezza della loro fede. Una festa di canti, giochi e sorrisi, con la partecipazione di un piccolo universo caratterizzato da variopinti abiti tradizionali. Le donne con scope e spazzoloni per pulire la strada nel rito di purificazione, gli uomini scalzi con turbante e pugnale sacro, un carro con le autorità religiose incaricate di custodire il libro sacro che racchiude le parole pronunciate dai fondatori della religione, costituita nel XV secolo. Dall’India a Tortona. L’appuntamento “nostrano” di primavera con “Cantarà e Catanaj”, favorito dal sole che si è fatto gioco delle previsioni meteo, che annunciavano minacciosi temporali nel pomeriggio. Folla tra i banchetti, tanta curiosità, acquisti vintage e persone che tornavano verso casa caricandosi a spalla ingombranti pezzi d’arredo. Qualche esercizio aperto ha reso possibile una pausa caffè ed anche acquisti non legati al mercatino. Una giornata particolare che, per certi versi, ha finito per regalare anche ricordi ed emozioni, di cui tutti, inutile negarlo, abbiamo parecchio bisogno.

Neo Samaritano

.