Eleva2000
puntosistemi new
Mercoledì 20 Marzo 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Segala, Nespolo, Cremonti campioni provinciali, Pasino verso gli Italiani

Derthona Atletica

Stefano Pasino durante il salto in alto
Stefano Pasino durante il salto in alto

Stefano Pasino durante il salto in alto

In considerazione del fatto che il campo di atletica di Alessandria, ultimato in questi giorni, è in attesa di omologazione e quindi non può ancora ospitare gare federali, le gare valide per l’assegnazione del titolo di campione provinciale si sono svolte ad Asti, sabato 23 giugno. Nell’occasione i ragazzi e cadetti del Derthona Atletica sono stati protagonisti, confermandosi tra i migliori in assoluto per titoli e podi conquistati. Continua il momento d’oro per Giacomo Nespolo e Alessandro Cremonti che reduci dai recenti campionati regionali dove hanno conquistato i titoli di campioni rispettivamente nelle specialità dei 60 hs e mt 1.000, ad Asti si superano e conquistano oro e argento: Nespolo campione provinciale nei 60 mt. con il tempo di 8,16 e argento nel vortex con mt. 37,99; Cremonti campione provinciale nel salto in lungo con mt. 4,98 e argento nei 60 metri con il tempo di 8.28 alle spalle di Giacomo. Podio anche per Greta Prospato che si aggiudica l’argento nel vortex e il bronzo nei 60 metri piani. Predominio tortonese anche nella categoria Cadetti dove Simone Segala si laurea campione provinciale nel lungo saltando metri 5.92 seguito dall’altro cadetto del Derthona, Ozias Ben Meya Nkouka argento con mt.5.69. Argento nel salto in alto della cadetta Giulia Schiavoni che si ferma a mt. 1.53 mancando di poco l’oro a 1.55.
Intanto, continua per Stefano Pasino il progressivo avvicinamento a quota 2.09 che gli garantirebbe con certezza la partecipazione ai campionati italiani assoluti che si terranno nel mese di settembre. “I 2.05 era la misura che mi prefiggevo di raggiungere in questa gara che ho voluto a tutti i costi perché mi sentivo molto bene sia psicologicamente che atleticamente. Avevo sensazioni positive in pedana e mi aspettavo di fare una buona prestazione. Sono riuscito in gara a gestirmi bene, con tranquillità e consapevolezza delle mie possibilità. Ho azzeccato una progressione di salti al primo tentativo 1.85-1.90-1.95-2.00 che mi ha ulteriormente galvanizzato e al secondo tentativo ho superato i 2.05. La soddisfazione è stata grande e la prova sui 2.09 mi ha dato la sensazione di poterci arrivare presto. L’appuntamento agli Italiani è l’obbiettivo dell’anno”.

.