Eleva2000
puntosistemi new
Domenica 23 Settembre 2018     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Sale: ‘Barriere all’entrata’

Sabato 19 e domenica 20 novembre la Soms di Sale ha ospitato “Barriere all’entrata”, spettacolo teatrale della rassegna “Life”. Questo doppio appuntamento ha permesso di conoscere la vera storia di Albina Giacomini detta “Mariuccia”, che lavorò come infermiera giornaliera all’interno dell’ospedale psichiatrico del parco San Giovanni a Trieste. Una storia che presenta la situazione tragica del manicomio prima della legge Basaglia e dopo, quando le innovazioni introdotte dallo psichiatra che ispirò la legge portarono a notevoli miglioramenti delle condizioni di vita dei malati all’interno della struttura. Una storia commovente, presentata dall’ottima interpretazione della protagonista, Enza Zanotti, che durante il racconto padroneggia anche il dialetto triestino e fornisce notevoli dettagli, soffermandosi prima sulle condizioni disumane con cui i pazienti venivano trattati (compresa la pratica dell’elettroshock, che veniva praticata sui pazienti più irruenti), poi sulla divisione del manicomio, dal reparto di accettazione, fino al reparto M, quello più tranquillo, composto da tutti quei pazienti ormai “corpi vuoti”, spogliati della loro umanità. Infine, racconta della modifiche apportate da Franco Basaglia, come la rimozione delle divise che distinguevano pazienti e infermieri, e l’accettazione del malato come persona comune, libera di praticare ciò che gli piace (come la pittura), e accompagnata nei luoghi pubblici, assieme alle infermiere.Un percorso che, negli anni ’80, ha portato gli infermieri ad assumersi la responsabilità di ogni paziente seguendo il principio secondo il quale “il rispetto è la prima cosa che impedisce che ci sia violenza”. Un racconto che accompagna l’infermiera dal suo lavoro fino alla pensione, dove ha continuato a praticare volontariato in quello che un tempo era il reparto M della struttura.
Al monologo è stato alternata la melodia di un’arpa, suonata da Teresa Trivero Graci, la presentazione di foto riguardanti il manicomio e video che raccontano le testimonianze in prima persona di alcuni malati. Lo spettacolo diretto da Davide Sannia e organizzato dall’Aic ha riscosso notevole successo tra il pubblico in entrambi gli appuntamenti.
Martina Vaggi

.