Eleva2000
puntosistemi new
Giovedì 20 Giugno 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Pensare ad alta voce

Dopo quanto avvenuto con l’ospedale cittadino, inutile rivangare mancate promesse e patetici siparietti, è difficile pensare che dalle nostre parti qualcuno si azzardi a dire bene di quanti si sono occupati e si stanno tuttora occupando della sanità regionale. Eppure, nei giorni scorsi è apparsa in città una considerevole quantità di manifesti sui quali il volto di Domenico Ravetti, neo capogruppo PD nel Consiglio regionale del Piemonte, affianca lo slogan “Più medici, più infermieri, meno poltrone, meno privilegi” e “La salute: il diritto da difendere”. Nel frattempo, viene annunciato un incontro, fissato per giovedì 24 maggio alle ore 18, nella sala convegni della Fondazione, che vedrà al tavolo dei relatori lo stesso Ravetti, insieme ad Elena Marchelli definita “profonda conoscitrice dei numeri legati alla sanità provinciale e regionale” e, guarda un po’, Antonio Saitta assessore regionale alla sanità, ben noto ai tortonesi per le passate vicende strettamente connesse allo smantellamento dei reparti dell’ospedale cittadino. Prima di Saitta, interverrà, in rappresentanza del Comune di Tortona, l’assessore Lorenzo Bianchi. Inutile nascondere che in quella sede Bianchi parlerà non solo a nome del Comune di Tortona e di una città intera, ma di un territorio fatto di gente che si è sentita e si sente tuttora sbeffeggiata da scelte incomprensibili ma che, probabilmente, qualcuno ha ben meditato. Pensare ad alta voce, a volte, è necessario e l’augurio è che Bianchi colga questa opportunità come un momento in cui gridare il proprio pensiero, che è quello di una comunità intera, senza lasciare troppo spazio al “politichese”.

Neo Samaritano

.