Eleva2000
puntosistemi new
Mercoledì 16 Gennaio 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Il richiamo del manganello

Indro Montanelli diceva che gli italiani non sanno andare a destra “senza finire sempre nel manganello”. A giudicare dai commenti al video dell’iniziativa di “Azione Tortona” contro i parcheggiatori abusivi, sembrerebbe che questo richiamo sia molto forte. “Prendeteli a manganellate…non ne paghiamo già abbastanza di tasse?” scrive Giovanni; “Ci vogliono spranghe e manganelli per allontanarli come si deve”, Paolo; “Li dovete braccare come i conigli che sono”, Roberto; “Bisogno andare con dei maceti” Denis; “Rastrellateli” Enzo; “Ma prendete dei bastoni e date giù” Rachele; “Al rogo!” Christian; “Dovrebbero fargli assaggiare il manganello” Rino; “Se decidete di prenderli a manganellate io ci sono” Carlo. È evidente che si siano ormai ampiamente superati i limiti di tolleranza (sempre ammesso che esistano) di simili metodi e comportamenti, sempre più esplicitamente “squadristi”. A differenza dell’accattonaggio, che non è più un reato dal 1999 (è prevista la sola sanzione amministrativa), le cosiddette “ronde” e presidi come quello di “Azione Tortona” sono quantomeno fuori luogo perché i privati cittadini e ancor più i gruppi politici, non possono assolutamente “farsi giustizia da soli” o sostituirsi in ogni modo alle forze dell’ordine. Ci auguriamo che in futuro tanto gli organizzatori quanto le autorità competenti ne tengano conto, anche perché si tratta di azioni che hanno il solo scopo di portare qualche vantaggio elettorale e di visibilità, senza peraltro alcuna giustificazione concreta, considerato che i reati in Italia sono in calo costante da trent’anni, a prescindere dai flussi migratori. Rispetto al 2016, ad esempio, il 2017 ha registrato una diminuzione dei reati denunciati pari al 9,2 %.

.