Eleva2000
puntosistemi new
Mercoledì 13 Dicembre 2017     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Disposte misure antismog a Tortona

Dopo una breve tregua, sono tornate ad aumentare le concentrazioni di polveri fini in atmosfera, al punto da far scattare i provvedimenti previsti. La Provincia di Alessandria ha comunicato che per il periodo 24-27 novembre, è attivato il livello arancione, sottolineando l’obbligatorietà di adottare le misure temporanee nei Comuni di Alessandria, Tortona, Casale Monferrato e Novi Ligure.
Il Comune di Tortona ha pertanto disposto, con ordinanza del Sindaco, che sia fatto divieto di mantenere la temperatura media all’interno delle abitazioni e degli spazi ed esercizi commerciali oltre i 19°C (+2°C di tolleranza) e utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con prestazioni energetiche ed emissive che non siano in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “3 stelle”. La medesima ordinanza vieta qualsiasi tipologia di combustione all’aperto, come falò, barbecue, fuochi d’artificio, di spandere liquami zootecnici e di sostare con motore accesso. Inoltre, una specifica ordinanza vigente dal 2014 vieta nel periodo di massima concentrazione delle polveri fini in atmosfera, dal 1′ ottobre al 31 marzo, la combustione di residui vegetali.
Come previsto nel caso di attivazione del livello 1, la Polizia municipale ha disposto dal 25 novembre fino a revoca, dalle ore 8.30 alle 18.30, la riduzione del limite massimo di velocità all’interno del centro abitato da 50 km/h a 30 km/h per tutti i veicoli circolanti ed il blocco della circolazione per tutti i veicoli non catalitici e quelli alimentati diesel Euro 1, 2, 3, 4 all’interno del secondo concentrico urbano. Restano esclusi i mezzi ad emissione nulla (motore elettrico) e quelli alimentati a metano, gpl o bifuel ed inoltre i veicoli adibiti a pubblici servizi, adibiti al trasporto pubblico e polizia, veicoli di soccorso, trasporto e consegna medicinali, medici e personale A.D.I. per servizio, veicoli di sacerdoti e ministri di culto nell’ambito delle loro funzioni, veicoli per trasporto di generi alimentari deperibili, veicoli a servizio di persone disabili munite di apposito contrassegno identificativo di parcheggio.

.