Eleva2000
puntosistemi new
Sabato 16 Febbraio 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Consiglio “fiume” su urbanistica, Atm, Inps e imposte

Quindici i punti all'ordine del giorno

Il pubblico presente in Consiglio comunale

Consiglio comunale “fiume” quello tenutosi a Tortona lunedì 8 settembre, con quindici punti all’ordine del giorno. Come previsto dal regolamento, la seduta si è aperta con la discussione sulle interrogazioni presentate dall’opposizione: tre e tutte riguardanti l’urbanistica, quelle del Movimento 5 Stelle, illustrate dal capogruppo Danilo Bottiroli. Argomenti molto tecnici riguardanti la riqualificazione dell’ex istituto Dante, la realizzazione di palazzi da otto piani al posto del mercato coperto in via Anselmi (provvedimenti approvati dalla precedente Giunta) e sulla modifica del piano esecutivo in zona R29. Risposta altrettanto tecnica da parte dell’assessore Davide Fara che ha invitato  però ad una maggiore “chiarezza” nell’esposizione delle interrogazioni, in favore della maggiore comprensione da parte del pubblico. In effetti, c’è da chiedersi se su argomenti così complessi e legati esclusivamente ad aspetti normativi e poco “politici” non sia il caso di limitarsi alla risposta scritta, anzichè appesantire le sedute del Consiglio, tenendo poi conto che raramente, questi interventi portano qualcosa in più di un “nulla di fatto”. Poi, l’interrogazione relativa alla relazione del Ministero dell’Economia, conclusa con la richiesta di istituire una commissione d’inchiesta che dovrà esaminare i rilievi effettuati, in particolare sulla parte legata ai premi assegnati ai dipendenti negli anni passati. Consiglio unanime per quanto riguarda le mozioni di M5S in merito alla destinazione dell’8 per mille all’edilizia scolastica e sulla chiusura degli uffici Inps, promossa da Fabio Morreale e sottoscritta anche dal resto della minoranza. La discussione è poi virata sul futuro di Atm, la municipalizzata che ha appena scampato la liquidazione e si appresta a divenire una srl controllata interamente dal Comune di Tortona, ma per ora, senza alcuna funzione operativa. Proprio su questo aspetto resta da capire se la Giunta Bardone abbia fatto bene a mantenere viva l’azienda dal passato “burrascoso” o se l’operazione non si rivelerà un boomerang; intanto, l’oggetto sociale è stato ulteriormente ampliato con il consenso di gran parte dell’opposizione che ad eccezione dei due rappresentanti di Forza Italia, contrari, si è astenuta. D’altronde, tutti i candidati Sindaco alle scorse elezioni, avevano promesso un rilancio di Atm, compreso Giuseppe Bottazzi, candidato del Centro Destra che in Consiglio si è smarcato dagli alleati Bonetti e Ferrari Cuniolo. Il Consiglio comunale si è infine concluso con l’approvazione delle (già note) tariffe per Imu e Tasi. Appuntamento a fine mese con l’approvazione del bilancio di previsione 2014.

.