Eleva2000
puntosistemi new
Giovedì 20 Giugno 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Andata e Ritorno

Non più tardi di un anno e mezzo fa, avevamo salutato l’avvento di Giampiero Ventura, originario di Sarezzano, alla guida di una delle “istituzioni” più importanti del nostro Paese: la Nazionale di calcio, quattro volte campione del mondo. Il titolo era: “Da Sarezzano a Coverciano”, sede dei ritiri degli “azzurri”, auspicando che non venissero deluse le aspettative di 60 milioni di italiani (o perlomeno di quanti fra noi sono tifosi). Evidentemente si trattava di un biglietto di andata e ritorno, e neanche in prima classe. Tutto è andato storto e l’Italia del calcio non sarà a Russia 2018, per di più umiliata. La delusione è grande e le lacrime del mito Buffon ne sono il simbolo. Però ci restano almeno due consolazioni: la meno importante è che gli appassionati potranno seguire il mondiale in totale relax senza rischiare “l’infarto” e soprattutto, sarà una formidabile occasione per fare punto e a capo rivedendo le impostazioni di fondo che regolano il mondo del calcio italiano, come ha fatto la Germania puntando sui giovani e investendo nei “vivai”. Diciamocelo: Ventura a parte, come possiamo sperare di vedere emergere dei campioni se non di rado, in una partita di Serie A, dove in campo scorrazzano solamente un paio di italiani? Ma per il territorio tortonese questa è un’altra botta: dopo il Tribunale, l’ospedale, l’Inps, eccetera, ci siamo “giocati” anche la Nazionale!

.