Eleva2000
puntosistemi new
Sabato 16 Febbraio 2019     -     Redazione via Emilia 49, Tortona (AL)            

Accattonaggio: il comunicato del sindacato Polizia

Il 17 febbraio scorso, militanti di “Azione Tortona”, organizzazione locale di “Casa Pound Italia” hanno effettuato un “blitz”, come riportato nella pagina Facebook della stessa organizzazione, per allontanare i parcheggiatori abusivi dal mercato e da altre località di Tortona. A conclusione del relativo comunicato sono riportate dichiarazioni virgolettate in cui viene stigmatizzato il fatto che “i vigili urbani, pronti a fare multe, non fanno nulla per far rispettare l’ordinanza emessa dal Sindaco”.
Tali affermazioni, non rispondendo al vero, sono meritevoli di confutazione: l’ordinanza a cui ci si riferisce non risulta più in vigore dall’inizio dell’anno, non si può, evidentemente “far rispettare” un provvedimento che non ha più valore giuridico; se invece, molto più probabilmente, ci si riferisce al fenomeno dei “parcheggiatori abusivi” a cui principalmente è rivolto il “blitz” occorre precisare che nel vigente ordinamento l’attività di parcheggiatore abusivo è sanzionata dall’art. 7 bis del codice della strada con una semplice sanzione amministrativa, strumento manifestamente non idoneo per contenere il fenomeno. L’impegno degli appartenenti al corpo di Polizia municipale (i ricordati “vigili urbani” non esistono più dal 1986) è tuttavia costante pur nell’assenza di mezzi giuridici e tecnici, messi a disposizione dallo Stato; basti pensare che nello scorso mese di novembre a Tortona nel corso di attività di contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi, due agenti sono rimaste ferite nel corso di un arresto di un soggetto violento, episodio che non insistendo al momento alcuna campagna elettorale, non risulta aver provocato alcuna presa di posizione da parte di “Azione Tortona” né di nessun altro movimento politico. E’ diritto di ognuno condurre campagne elettorali, anche con iniziative irrituali, ma tale diritto deve incontrare un preciso limite nell’onestà intellettuale e nei diritti dei lavoratori.
Segretario prov. aggiunto
Diccap-Sulpm
Dott. Fabio Traverso

.